Dona il tuo 5 per 1000 alla Nuovi Spazi: P.I. 03613930282
info@nuovispazi.org - Tel. e fax. 049.8987249

Angolo dell’educatore: la scuola possibile

0

Oggi all’Angolo dell’educatore vi riproponiamo un progetto che abbiamo già presentato nella nostra rubrica del giovedì, perché è un progetto importante che parla di attività possibili che la scuola italiana propone e che rendono la scuola stessa un luogo dove i nostri figli  potranno diventare adulti sereni, responsabili e creativi.
Questo progetto che sta girando l’Italia è in questi giorni a Padova: fuoriClasse il film che racconta la scuola possibile.

Il progetto ha previsto il coinvolgimento di bambini delle scuole elementari di tutta Italia ed è diventato un film che in questi giorni viene proiettato a Padova.
Dopo l’anteprima del 26 aprile le prossime proiezioni saranno il 29 e il 30 aprile al Cinema Rex.

“ll film fuoriClasse racconta sei laboratori creativi, realizzati con pochi mezzi e grande sapienza all’interno dell’orario scolastico e in contesti sociali complessi. Sono laboratori meravigliosi in cui si aprono spazi di autonomia, cooperazione e creatività che permettono l’espressione di un pensiero e di una prassi infantile inattese, illuminanti.

Non vogliamo concentrarci sulla difficoltà – la conosciamo, e non possiamo nasconderla – ma sulla possibilità. Sul fatto che è possibile una scuola bella, piena, inaspettata e ricca, in grado di far crescere belli, ricchi ed inaspettati i prossimi adulti.

Per questo, pensiamo alla distribuzione di questo film come un’occasione.”

Attraverso gli affascinanti racconti di questi laboratori i bambini scoprono il nostro paese e noi scopriamo quanto può essere creativo andare a scuola, dentro e fuori classe, se la scuola è agita in modo aperto, curioso, orizzontale. Scopriamo che la scuola fantastica è una scuola possibile.

Questo film è nato all’interno del progetto “La prima scuola – il cinema per la scuola elementare pubblica”, ideato da Andrea Segre e Francesco Bonsembiante.
La distribuzione del film è cura di ZaLab ed è sostenuta da Fondazione San Zeno.

Post a Reply